Tuesday, September 27, 2005

abbasso i pil

io voglio abbassare il pil
e allo scopo ho assoldato
tutti i vecchi pensionati
che fanno i volontari
alle feste dell'unita'
in tutto il paese stivale
basta con questa mania
di fare una cosa al solo scopo
di guadagnare
da oggi in poi faremo solo
quello che ci va di fare
anche se poi i pensionati
quando tornano a casa
rompono i coglioni alle mogli

Wednesday, June 08, 2005

votate votate

c'e' il referendum sulla procreazione assistita
e tutti non parlano d'altro
anche se in realta' non sanno niente
nemmeno io so qualcosa,
o meglio una cosa la so.
c'e' qualcuno
che cerca di farci vivere in eterno
che la fase della vita che si allunga
non e' l'infanzia e nemmeno l'adolescenza
ma la vecchiaia
che questa lunga vecchiaia avra' sempre
piu' bisogno di medicine e di assistenza.

a questo sig. qualcuno
vorrei chiedere una cosa:
a cosa serve vivere cento anni
se poi basta una sera senza
corrente elettrica per non saper cosa fare?

Wednesday, February 16, 2005

LA PENSIONE

se per caso domani vincessi un miliardo di euro
cosa faresti?
io venderei quasi tutto quello che ho e poi
libero da tutto continuerei una vitasemplice,
chiacchierando il piu' possibile con le persone,
leggendo e soprattutto riflettendo.
a questo punto mi son chiesto ma per fare questa vita
serve davvero un miliardo di euro?
no.
ed allora visto che possiedo (sto pagando il mutuo)
una casa di 15 mq, una bicicletta e un compiuter,
non mi drogo, non ho obbi particolrmente dispendiosi,
non ho figli.
ma chi me lo fa fare di continuare a lavorare dodici
ore al giorno tutti i giorni tutto l'anno?
ho deciso, vado in pensione,
lavorate voi

Monday, February 14, 2005

100 SIGARETTE

dopo un mese dall'entrata in vigore
delle nuova legge sul fumo, tutti si dichiarano
contenti, anche i piu' accaniti fumatori.
mansueti come vacche al pascolo tutti
hanno accettato la cosa.
non ci sono state clamorose proteste,
non c'e' stata la corsa a denunciare quanti
piu' fumatori possibile da parte di zelanti
cittadini.
buon segno, dira' qualcuno, se il popolo
si abitua ad accettare le cose cosi' passivamente
forse gli venderemo anche il digitale terrestre.

Wednesday, February 09, 2005

c'erano tre ragazi

c'erano tre ragazzi: uno italiano, uno argentino e uno filippino
ma non e' una barzelleta, questi tre ragazzi lavoravano nello stesso
edificio. Il ragazzo filippino faceva le pulizie per le varie societa' che
occupavano lo stabile, il ragazzo agentino faceva il grafico in uno studio
e il ragazzo italiano dirigeva una piccola filiale di un'azienda piu' grande.
i tre si trovavano spesso nei corridoi e dopo poco tempo fecero amicizia
prendedo l'abituine di pranzare insieme.
il ragazzo argentino raccontava che dopo la crisi economica del suo paese
era venuto in italia in cerca di fortuna, gli era andata bene,
stava mettendo via i soldi per comprare un po' di terreno e tornarsene a casa.
il filippino era venuto in italia con l'aiuto di un parente emigrato prima di lui
resituiti i soldi del viaggio spediva i suoi risparmi ai genitori e comprava case
che poi affittava.
il ragazzo italiano tutte le sere andava a prendersi l'apperitivo in un locale diverso
pur avendo appena comprato un bilocale in zona semicentrale.
dopo pochi anni il ragazzo argntino decise di tornare a mendoza abbandonata
l'idea del pezzo di terra apri' uno studio grafico, mi ha detto di essere felice
le cose stanno pian piano migliorando e mi ha invitato a trascorrere le vacanze
a casa sua.
il ragazzo filippino adesso e' pradone dell'impresa di pulizie in cui lavorava
anche se non e' proprio quello sognava, (era un ignegnere elettronico), ma
e' soddisfatto quest'anno si e' cmprato anche la casa in italia.
il ragazzo italiano ha dovuto vendere la casa che aveva comprato
perche' non riusciva a pagare il mutuo e' tornato ad abitare con i suoi
genitori ed ora e' in cerca di lavoro, perche' l'azienda dove l avorava
e' stata acquistata da una multinazionale che ha deciso tagli al personale.
in questa storia non c'e' un lieto fine e nemmeno una morale,
ma le cose vanno anche in questo modo specialmente per un popolo
come quello italiano che si crede sempre il migliore.

Tuesday, February 08, 2005

L'INSALATA D'ORO

metti il caso che sei single
metti il caso che finisci tardi di lavorare
metti il caso che faccia anche freddo
metti il caso che la giornata lavorativa
non sia stata niente di che.
allora prima di tornare a casa ti fermi al supermercato,
ma siccome sei solo e anche un po' pigro non ti viene voglia
di cucinare, anche se c'e' il petto di pollo scontato al 40%.
allora ti dirigi al reparto frutta e verdura,
si sa un po' d'insalata fa sempre bene.
siccome sei pigro prendi in mano le insalate miste
pretagliate e prelavate e ne scegli una.
poi, ciondoli fra gli scaffali fino ad arrivare alla cassa,
e quindi a passo svelto fino a casa (a milano il passo svelto e'
obbligatorio).
a casa condisci l'insalata e per caso guardi il peso
sulla confezione g 180, poi guardi lo scontrino € 1,99
e pensi:
"ma se andavo dal gioielliere spendevo meno"
poi ti consoli:
"se nadavo in pizzeria spendevo di piu'"
poi t'incazzi:
"ma possibile che tutto costi cosi' caro"

e vai a letto che con lo stomaco vuoto
pensando:

"bel progresso"

Monday, February 07, 2005

ma l'MMS serve?

dopo la scuola alla ricerca di un posto di lavoro,
che si sogna ben retribuito, ma come succede sempre piu'
spesso oggi, si finisce nel mare del precariato.
spesso quella che sembrava una piacevole esperienza
di breve durata non finisce piu'.
non hai piu' venti anni nel frattempo volevi comprare la casa
ma il mutuo non te lo danno perche' non hai un lavoro sicuro
stessa cosa quando cerchi di comprare la macchina il frigorifero
e tutto il resto.
se sei stato bravo con due o tre lavori i soldi non mancano,
ma devi comprare tutto in contanti,
non hai piu' vent'anni e di fare tre lavori per campare non ne hai
piu' voglia, se ne molli uno spesso non ce la fai ad arrivare
e fine mese pagando un affitto.
ma pui dirlo a tutti con un bel MMS

bel progresso